E’ un profondo pozzo situato nella parte est delle cantine di Palazzo Salis.
Ampio vano, completamente interrato, era destinato in passato alla conservazione
delle vivande
, in particolare la selvaggina, che veniva adagiata sopra la neve
ed il ghiaccio, stivatovi durante l’inverno, per facilitarne la conservazione.

Ora, per la sua temperatura costantemente fresca ( + 8° C.) anche in assenza del ghiaccio,
è il luogo ideale per il lungo affinamento delle grandi bottiglie da collezione.