Conservazione

Ha
complessità ed armonia già a partire dall’inizio del periodo di commercializzazione, fissato per disciplinare con decorrenza 1 Dicembre del secondo anno successivo alla raccolta.

E' un vino che evidenzia tutti i caratteri dell
'uva Nebbiolo da cui viene prodotto e, quindi, capace di notevole longevità. Con 6 - 7 anni di affinamento in bottiglia, esprime il massimo della sua potenzialità.

Indicazioni di servizio

E’ consigliabile sulle
carni bianche cucinate in vari modi. Sostiene inoltre piatti di carni rosse, anche importanti, e primi piatti consistenti (risotti, pastasciutte, polente, ecc.).

Temperatura di servizio: 18° - 20° C

Colore: rosso rubino giustamente intenso, che nel tempo manifesta lievi riflessi tegola.

Profumo: sono evidenti note fruttate di frutta rossa matura (ciliegia, susina), fugaci ricordi di fieno fresco e, in modo più tenuo, di vaniglia.

Gusto: ampia morbidezza e rotondità accompagnate da una struttura consistente e carnosa. Ancora in evidenza piacevoli impressioni di frutti rossi.

Alcool: 12,5 – 13 % vol.
Acidità totale: 5,2 –5.7 gr/lt
pH:

3,5 – 3,7

Estratto secco:

28 – 32 gr/l

Temperatura di servizio:

18° - 20° C

Le uve Nebbiolo-Chiavennasca sono raccolte leggermente sovramature affinchè i tannini della buccia risultino da subito di minore astringenza. Dopo la raccolta sono sgranellate e diraspate.

Il mosto ricavato, con circa un 20% di acini ancora interi, passa alla fermentazione-macerazione. Il processo di fermentazione viene costantemente controllato nella sua evoluzione e nella temperatura: prosegue con frequenti rimontaggi e follature per circa 10 giorni sino a raggiungere la completa estrazione del patrimonio polifenolico.
Immediatamente dopo la svinatura il vino passa in botti di rovere di capacità variabile dai 15 ai 25 ettolitri. Qui rimane sino a completamento della fermentazione malolattica e, successivamente, raggiunge barriques di rovere francese di secondo e terzo utilizzo.

L'invecchiamento in barriques si completa in circa 15 mesi, dopo i quali il vino passa alla bottiglia per un ulteriore affinamento di 6 mesi.
Vengono attentamente selezionate uve “Nebbiolo” (varietà Chiavennasca) coltivate sulle coste Retiche incluse fra i Comuni di Teglio e di Tirano.

Sono state identificate parcelle di vigneti, anche di piccoli viticoltori, con ceppi di media vetustà (15 - 20 anni), caratterizzati da produzione unitaria regolare e limitata, con
grappoli spargoli e ad acini mediamente piccoli.

La “Conti Sertoli Salis” controlla l'intero ciclo vegetativo ed il processo produttivo. Vinifica esclusivamente le uve che presentano il migliore equilibrio tra zuccheri e polifenoli per assicurare al vino un’elegante complessità.
E’ un Valtellina Superiore D.O.C.G. ottenuto per vinificazione di uve Nebbiolo raccolte in surmaturazione sulle coste Retiche incluse fra i comuni di Teglio e di Tirano.

La vinificazione prevede lo sgranellamento delle uve e la separazione del raspo. Segue la fermentazione con
macerazione in rosso e l’affinamento in barriques e tonneaux di secondo utilizzo.

Dopo due anni di invecchiamento, il vino sviluppa armonia, complessità ed eleganza con note di lampone, ribes e viola.

E’ un vino longevo per origine, vitigno e carattere. Cresce e perfeziona la sua com­plessità in bottiglia per almeno 10-12 anni.